Cosa devi sapere per la stagione fiscale 2024

Noticias relacionadas: Noticias Similares

La presentazione della dichiarazione dei redditi serve a ricordare ogni anno quanto sia noiosamente complesso il codice fiscale americano – e quest’anno non fa eccezione.

Non è così complicato come gli anni della pandemia, ma ci sono molte nuove disposizioni che entrano in vigore e alcuni cambiamenti potrebbero potenzialmente arrivare a metà stagione.

Procrastinare può costarti: gli interessi sulle tasse non pagate e sulle sanzioni tardive (sì, anche le sanzioni maturano interessi) sono più che raddoppiati fino all’8% rispetto a solo un paio di anni fa.

Ecco alcune delle ultime modifiche da tenere a mente con l’avvicinarsi della scadenza per la presentazione, il 15 aprile o il 17 aprile per i residenti nel Maine e nel Massachusetts.

A partire da metà marzo, alcuni residenti in una dozzina di stati dovrebbero avere la possibilità di presentare elettronicamente le loro dichiarazioni utilizzando il programma Direct File dell’IRS. Il sistema, che è in fase pilota limitata, si sta lentamente implementando in più fasi e sarà accessibile solo ai contribuenti con situazioni fiscali relativamente semplici.

Per essere idonei, i contribuenti devono avere un reddito limitato ai salari riportati nel modulo W-2, alla previdenza sociale o alla disoccupazione, nonché un reddito da interessi pari o inferiore a $ 1.500. Devono inoltre richiedere la detrazione standard (e non dettagliare le loro detrazioni).

I filer devono anche vivere in uno dei 12 stati che partecipano al progetto pilota. Otto di questi stati non hanno un’imposta statale sul reddito (Florida, New Hampshire, Nevada, South Dakota, Tennessee, Texas, Washington e Wyoming) e quattro sì (Arizona, California, Massachusetts e New York). Lo strumento non fornisce ancora dichiarazioni dei redditi statali, ma guida i contribuenti verso uno strumento supportato dallo stato che può essere utilizzato per preparare e presentare le dichiarazioni dei redditi statali.

Per maggiori dettagli, leggi la storia della mia collega Ann Carrns.

Forse. Le persone che hanno acquistato un nuovo veicolo elettrico potranno beneficiare nuovamente di un credito d’imposta fino a 7.500 dollari nel 2023 (e fino al 2032), ma le regole di ammissibilità sono state inasprite: il reddito e il prezzo dell’auto devono scendere al di sotto di un certo limite, e il veicolo stesso deve selezionare una serie di caselle.

Per iniziare, i singoli dichiaranti dei redditi devono avere un reddito lordo rettificato modificato di $ 150.000 o meno; e i dichiaranti congiunti sposati devono aver guadagnato $ 300.000 o meno; e $ 225.000 per i capifamiglia. (Puoi utilizzare il tuo reddito dell’anno in cui hai acquistato l’auto o dell’anno precedente, a seconda di quale sia inferiore.)

Il produttore del veicolo ha suggerito che il prezzo al dettaglio non può superare gli 80.000 dollari per furgoni, SUV e camioncini e i 55.000 dollari per tutti gli altri veicoli. Ci sono molti dettagli più fini: i veicoli devono aver avuto l’assemblaggio finale in Nord America, ad esempio, e devono avere alcuni componenti della batteria. Puoi visitare il sito del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti per vedere se il tuo veicolo è idoneo.

L’importo esatto del tuo credito varierà in base a quando ricevuto l’auto e se soddisfa determinati criteri. Il credito non è rimborsabile, il che significa che non puoi recuperare più denaro di quello dovuto in tasse e non puoi applicare alcuna franchigia alle fatture fiscali future.

A partire da quest’anno, gli acquirenti di auto nuove possono trasferire il credito alla concessionaria per uno sconto anticipato invece di aspettare di ricevere il denaro durante la stagione di dichiarazione dei redditi 2025.

“In teoria, ti daranno una riduzione del prezzo di acquisto”, ha detto Mark Luscombe, principale analista fiscale federale per Wolters Kluwer, una società di servizi di informazione.

A partire da quest’anno, se hai acquistato un veicolo elettrico usato qualificato da un rivenditore autorizzato per $ 25.000 o meno, potresti avere diritto a un credito non rimborsabile pari al 30% – fino a $ 4.000 – del prezzo di vendita.

SÌ. Grazie all’Inflation Reduction Act, le agevolazioni fiscali in queste categorie sono diventate più generose e ora coprono più spese – e alcuni contribuenti potrebbero tornare ad averne diritto anche se in passato hanno esaurito i loro crediti precedenti.

A partire dall’anno fiscale 2023, il credito per il miglioramento della casa ad alta efficienza energetica consente ai contribuenti di richiedere fino a 1.200 dollari ogni anno – rispetto a un massimo di 500 dollari a vita – per alcuni miglioramenti apportati fino al 2032, inclusi articoli come porte esterne, finestre e materiali isolanti. Inoltre, è previsto un altro credito del valore massimo di 2.000 dollari all’anno per vari nuovi scaldacqua, pompe di calore e caldaie.

È nuovamente disponibile anche il credito per proprietà residenziali a energia pulita, per articoli come pannelli solari, scaldacqua solari o turbine eoliche. Dal 2022 al 2032 il credito ammonta al 30 per cento dei costi qualificati (poi viene ridotto a importi inferiori).

No. La Camera ha approvato un disegno di legge bipartisan che amplierebbe temporaneamente il credito d’imposta sui figli e che, se attuato, andrebbe a beneficio in gran parte delle famiglie a basso reddito, in particolare quelle con più figli. Ma deve prima sdoganare il Senato, dove si trova ad affrontare le sfide. Qualunque cosa accada, i contribuenti non dovrebbero rimandare la presentazione della domanda: l’IRS sarebbe in grado di pagare retroattivamente eventuali rimborsi dovuti.

“Non sarebbe necessaria alcuna dichiarazione modificata”, ha affermato Julie Welch, direttrice della tassazione presso Meara Welch Browne, PC, a Kansas City, Missouri.

Il credito d’imposta esistente sui figli vale fino a 2.000 dollari per ogni persona a carico di età inferiore a 17 anni, ma viene ridotto per i dichiaranti sposati una volta che il loro reddito supera i 400.000 dollari, o 200.000 dollari per i single e i capifamiglia. (L’assistente fiscale interattivo dell’IRS può aiutare a determinare l’idoneità.)

Ma una parte di quel credito – fino a 1.600 dollari – è rimborsabile: ciò significa che dopo che il credito ha ridotto le tasse dovute, dollaro per dollaro, qualsiasi credito rimanente viene pagato sotto forma di rimborso.

Infatti. L’IRS ha aumentato i limiti esterni degli scaglioni fiscali federali, o le soglie di reddito alle quali si applica un’aliquota fiscale più elevata, di circa il 7% per tenere conto dell’elevata inflazione. Senza gli aggiustamenti, le persone che hanno ricevuto aumenti avrebbero avuto una quota maggiore del loro reddito tassata con aliquote più elevate, anche se il loro reddito stava semplicemente tenendo il passo con i prezzi più alti.

Per l’anno fiscale 2023, ad esempio, lo scaglione fiscale del 24% entrerà in vigore sui redditi superiori a 95.375 dollari per i contribuenti single e 190.751 dollari per i contribuenti congiunti sposati, con cambiamenti simili in altri scaglioni fiscali. La detrazione standard per i singoli richiedenti è salita a $ 13.850 per il 2023, in aumento di $ 900; per le persone sposate che hanno presentato domanda congiunta, è salito a 27.700 dollari, in aumento di 1.800 dollari; è aumentato a $ 20.800 per i capifamiglia.

L’importo che le persone avrebbero potuto risparmiare nei piani 401 (k) nel 2023 è salito a $ 22.500, rispetto a $ 20.500 nel 2022. Ma i contribuenti qualificati hanno tempo fino a quando non presentano le loro dichiarazioni per massimizzare i risparmi del 2023 nei loro IRA. I contributi totali non possono essere superiori a $ 6.500 o $ 7.500 per quelli dai 50 anni in su.

Per l’anno fiscale 2024 (dichiarazioni presentate nel 2025) questi livelli sono aumentati nuovamente.

Non ancora.

I liberi professionisti, i lavoratori gig, le piccole imprese – o chiunque abbia un lavoro secondario – sono sempre stati obbligati a monitorare e segnalare il reddito all’IRS quando i loro guadagni superano i 400 dollari. Ma per aumentare la conformità, i processori e i mercati online – come Venmo, PayPal, eBay o Airbnb – avrebbero dovuto registrare e segnalare più di questa attività di vendita nel 2023. Ciò sarebbe documentato nel modulo IRS 1099-K, che verrebbe inviato a entrambi. l’IRS e il contribuente.

Le persone che raccolgono entrate attraverso questi processori di pagamento online o mercati avrebbero dovuto ricevere questi moduli fiscali per tutti i pagamenti superiori a $ 600, ma tale requisito è stato respinto dall’IRS per il secondo anno consecutivo.

Per questa stagione fiscale, si applicano ancora le vecchie regole: il 1099-K dovrà essere rilasciato alle persone che vendono beni o servizi solo quando la loro attività supera le 200 transazioni e i 20.000 dollari in pagamenti complessivi all’anno.

Per l’anno fiscale 2024, l’IRS ha dichiarato di voler abbassare tale soglia a 5.000 dollari in pagamenti aggregati ogni anno, senza minimi di transazione, prima di abbassarla infine al livello permanente di 600 dollari in pagamenti totali. Ma alcune persone potrebbero comunque ricevere i moduli per importi superiori alle soglie inferiori.

Alla fine, l’IRS ha deciso che aveva bisogno di più tempo per risolvere i problemi che potrebbero sorgere quando si inviano milioni di nuovi moduli a persone che potrebbero non aspettarseli o che potrebbero addirittura non essere tenuti a pagare alcuna tassa.

L’agenzia sta lavorando per garantire che i moduli 1099-K vengano rilasciati solo a coloro che dovrebbero riceverli.

Molti contribuenti negli stati ad alta tassazione rimpiangono profondamente la versione più generosa dell’agevolazione fiscale SALT, che consente loro di detrarre tutte le imposte sul reddito, sulla proprietà e sulle vendite pagate ai governi statali e locali senza limitazioni.

Tutto è cambiato alla fine del 2017, quando il Tax Cuts and Jobs Act ha fissato un limite di 10.000 dollari alla detrazione SALT fino al 2025. I residenti si sono lamentati e in breve tempo più di 30 stati hanno trovato soluzioni alternative.

Sebbene le strategie statali varino notevolmente, il succo è questo: secondo le norme fiscali federali, il tetto SALT si applica ai singoli contribuenti, ma non alle imprese strutturate come entità di passaggio – ad esempio una società di costruzioni o un piccolo studio legale – secondo i professionisti fiscali. . Pertanto, se l’entità pass-through – di solito S Corporation o società di persone – paga l’imposta, i singoli proprietari possono detrarre le imposte dell’entità dalle loro dichiarazioni dei redditi personali, invece delle proprie tasse statali e locali.

“Tuttavia, queste soluzioni alternative non sono disponibili in tutti gli stati e la loro efficacia può variare a seconda della situazione specifica”, ha affermato Mark Friedlich, vicepresidente degli affari governativi di Wolters Kluwer.

È anche complicato e le regole e le scadenze per aderire a questa tassa variano da stato a stato, motivo per cui è necessario lavorare con un professionista esperto delle regole.

Quando qualcuno vende azioni, obbligazioni o altri investimenti, è tenuto a riportare eventuali profitti (plusvalenze) o perdite nella dichiarazione dei redditi, nonché eventuali interessi o dividendi guadagnati. Per renderlo più semplice, la tua società di intermediazione è tenuta a preparare moduli fiscali, inclusi 1099-B e 1099-DIV, che aiutano a tenere traccia di questi elementi, che vengono segnalati all’IRS

Alle società di brokeraggio non è stato richiesto di segnalare le transazioni su criptovaluta e altre risorse digitali, anche se ciò potrebbe presto cambiare: una regola proposta lo scorso anno richiederebbe loro di inviare un nuovo modulo – chiamato 1099-DA, per le risorse digitali – a partire dal anno fiscale 2025.

Ma ciò non lascia i contribuenti fuori dai guai per l’anno fiscale 2023 (o qualsiasi anno).

“Indipendentemente dal fatto che qualcuno riceva o meno un modulo fiscale, è sua responsabilità dichiarare tutto il proprio reddito”, ha affermato Eric Bronnenkant, responsabile fiscale presso Betterment, una società di investimenti. Puoi trovare ulteriori informazioni su come farlo nelle istruzioni 1040, nonché nei siti Web del servizio di avvocato dei contribuenti e dell’IRS.

Se hai acquistato o venduto criptovaluta detenuta in un tradizionale involucro di investimento, come ad esempio Bitcoin ETF, tali transazioni sono ancora tracciate sul 1099-B esistente, proprio come qualsiasi altro fondo o azione quotata in borsa.

Una legge entrata in vigore lo scorso anno consente ai pensionati di ritardare l’effettuazione dei prelievi minimi richiesti dai conti pensionistici fiscalmente agevolati fino all’anno in cui una persona compie 73 anni, rispetto ai 72 del 2022.

In pratica, ciò significa che se compi 72 anni nel 2023, puoi ritardare il primo prelievo richiesto (per il 2024) di un altro anno, o fino al 1 aprile 2025, ha affermato David Oh, responsabile della pianificazione fiscale e patrimoniale presso Arta Finance.

Ma se hai compiuto 73 anni nel 2023 (e ne avevi 72 nel 2022), sei soggetto alle regole precedenti. (Ciò significa che il tuo primo prelievo era dovuto il 1 aprile 2023 e il secondo entro il 31 dicembre 2023.)

Queste regole si applicano agli IRA tradizionali, ai SEP IRA e ai SIMPLE IRA. Le persone con 401 (k) possono generalmente rimandare i prelievi fino a dopo la pensione, mentre i Roth IRA non sono soggetti a essi fino alla morte del proprietario del conto.

Noticias relacionadas: Noticias Similares