Youth Gender Medications Limited in Inghilterra, parte del grande cambiamento in Europa

Noticias relacionadas: Noticias Similares

Il Servizio Sanitario Nazionale in Inghilterra ha iniziato questo mese a limitare i trattamenti di genere per i bambini, rendendolo il quinto paese europeo a limitare i farmaci a causa della mancanza di prove dei loro benefici e della preoccupazione per i danni a lungo termine.

Il cambiamento dell’Inghilterra è il risultato di una revisione quadriennale pubblicata martedì sera dalla dottoressa Hilary Cass, una pediatra indipendente. “Per la maggior parte dei giovani, un percorso medico non sarà il modo migliore per gestire il disagio legato al genere”, conclude il rapporto. In un editoriale correlato pubblicato su una rivista medica, il dottor Cass ha affermato che le prove che i trattamenti di genere per i giovani fossero benefici erano “costruite su fondamenta traballanti”.

Il servizio sanitario nazionale non offrirà più farmaci che bloccano la pubertà, ad eccezione dei pazienti arruolati nella ricerca clinica. E il rapporto raccomandava che ormoni come il testosterone e gli estrogeni, che stimolano cambiamenti fisici permanenti, fossero prescritti ai minori con “estrema cautela”. (Le linee guida non si applicano ai medici che esercitano in studi privati, che servono una piccola parte della popolazione.)

La mossa dell’Inghilterra fa parte di un cambiamento più ampio nel nord Europa, dove i funzionari sanitari sono preoccupati dall’impennata della domanda di trattamenti di genere per gli adolescenti negli ultimi anni. Molti pazienti hanno anche condizioni di salute mentale che rendono difficile individuare la causa principale del loro disagio, nota come disforia.

Nel 2020, l’agenzia sanitaria finlandese ha limitato le cure raccomandando la psicoterapia come trattamento primario per gli adolescenti affetti da disforia di genere. Due anni dopo, la Svezia ha limitato i trattamenti ormonali a “casi eccezionali”.

A dicembre, le autorità sanitarie regionali norvegesi hanno designato la medicina di genere giovanile come un “trattamento in fase di sperimentazione”, il che significa che gli ormoni saranno prescritti solo agli adolescenti coinvolti negli studi clinici. E in Danimarca, le nuove linee guida in fase di definizione quest’anno limiteranno i trattamenti ormonali agli adolescenti transgender che soffrono di disforia fin dalla prima infanzia.

Diversi gruppi di difesa dei transgender in Europa hanno condannato i cambiamenti, affermando che violano i diritti civili ed esacerbano i problemi dei sistemi sanitari sovraccarichi. Secondo il Servizio Sanitario Nazionale, in Inghilterra alla fine del 2023 circa 5.800 bambini erano in lista d’attesa per i servizi di genere

“Si sa che la lista d’attesa è un inferno”, ha detto N., un ragazzo transgender di 17 anni del sud dell’Inghilterra che ha chiesto di non rivelare il suo nome completo per motivi di privacy. È in lista d’attesa da cinque anni, durante i quali gli è stato diagnosticato l’autismo e la depressione. “Oltre al panico trans che il nostro stesso governo sta spingendo, ci sentiamo dimenticati e lasciati indietro”, ha detto.

Negli Stati Uniti, i politici repubblicani hanno citato la ritirata in Europa per giustificare le leggi contro la medicina di genere giovanile. Ma le politiche europee sono notevolmente diverse dai divieti assoluti per gli adolescenti approvati in 22 stati degli Stati Uniti, alcuni dei quali minacciano i medici di finire in prigione o indagano sui genitori per abusi sui minori. I paesi europei continueranno a consentire trattamenti di genere per alcuni adolescenti e richiedono nuovi studi clinici per studiarne e comprenderne meglio gli effetti.

“Non abbiamo vietato il trattamento”, ha detto la dottoressa Mette Ewers Haahr, una psichiatra che guida l’unico studio danese clinica di genere giovanile, a Copenaghen. I trattamenti efficaci devono considerare i diritti umani e la sicurezza del paziente, ha affermato. “Devi pesarli entrambi.”

A febbraio, l’Accademia Europea di Pediatria ha riconosciuto le preoccupazioni sulla medicina di genere giovanile. “La questione fondamentale se i trattamenti biomedici (inclusa la terapia ormonale) per la disforia di genere siano efficaci rimane controversa”, ha scritto il gruppo. Al contrario, l’American Academy of Pediatrics la scorsa estate ha riaffermato il suo appoggio alla cura, affermando che i trattamenti ormonali sono essenziali e dovrebbero essere coperti dagli assicuratori sanitari, commissionando anche una revisione sistematica delle prove.

Gli europei sono stati i pionieri nell’uso dei trattamenti di genere per i giovani. Negli anni ’90, una clinica di Amsterdam iniziò a somministrare farmaci che sopprimono la pubertà ad adolescenti che si sentivano di un genere diverso fin dalla prima infanzia.

I medici olandesi ritenevano che i bloccanti della pubertà potessero dare ai giovani pazienti con disforia di genere il tempo di esplorare la propria identità e decidere se procedere con gli ormoni per la transizione definitiva. Per i pazienti che si trovano ad affrontare la pubertà maschile, i farmaci eviterebbero i cambiamenti fisici – come una voce più profonda e la barba – che potrebbero rendere più difficile per loro vivere come donne in età adulta. La ricerca del team olandese, pubblicata per la prima volta nel 2011 e monitorata su un gruppo accuratamente selezionato di 70 adolescenti, ha scoperto che i bloccanti della pubertà, in combinazione con la terapia, hanno migliorato il funzionamento psicologico.

Questo studio è stato estremamente influente e ha ispirato le cliniche di tutto il mondo a seguire il protocollo olandese. Le segnalazioni a queste cliniche hanno iniziato ad aumentare intorno al 2014, anche se i numeri rimangono piccoli. Nella clinica svedese, ad esempio, i ricoveri sono cresciuti fino a 350 adolescenti nel 2022 dai circa 50 del 2014. In Inghilterra, questi numeri sono cresciuti fino a 3.600 ricoveri nel 2022 dai 470 del 2014.

Le cliniche di tutto il mondo hanno riferito che l’aumento è stato in gran parte determinato da pazienti cresciuti come ragazze. E a differenza dei partecipanti allo studio olandese originale, molti dei nuovi pazienti non hanno sperimentato disagio di genere fino alla pubertà e avevano altri disturbi di salute mentale, tra cui depressione e autismo.

Alla luce di questi cambiamenti, alcuni medici mettono in dubbio la rilevanza dei risultati olandesi originali per i pazienti di oggi.

“Il mondo intero sta curando migliaia, decine di migliaia di giovani, sulla base di uno studio”, ha affermato il dottor Riittakerttu Kaltiala, uno psichiatra che ha guidato il programma di genere giovanile in Finlandia dal 2011 ed è diventato un critico accanito. della cura.

La ricerca del dottor Kaltiala ha scoperto che circa l’80% dei pazienti della clinica finlandese sono nati donne e hanno iniziato a sperimentare il disagio legato al genere più tardi nell’adolescenza. Molti pazienti avevano anche problemi psicologici e non venivano aiutati dai trattamenti ormonali. Nel 2020, La Finlandia ha fortemente limitato l’uso dei farmaci.

Più o meno nello stesso periodo, il governo svedese ha commissionato una rigorosa revisione della ricerca che ha riscontrato prove “insufficienti” a favore delle terapie ormonali per i giovani. Nel 2022, la Svezia ha raccomandato gli ormoni solo per “casi eccezionali”, citando in parte l’incertezza su quanti giovani potrebbero scegliere di interrompere o invertire la loro transizione medica in futuro, nota come detransizione.

Anche la clinica olandese originaria si trova ad affrontare pressioni per limitare i pazienti che ricevono le cure. A dicembre, una serie di documentari pubblici nei Paesi Bassi ha messo in dubbio la base dei trattamenti. E a febbraio, mesi dopo che un partito politico di estrema destra ha vinto le elezioni in un paese a lungo noto come socialmente liberale, il parlamento olandese ha approvato una risoluzione per condurre una ricerca che mettesse a confronto l’attuale approccio olandese con quello di altri paesi europei.

“Mi sarebbe piaciuto che i Paesi Bassi fossero un’isola”, ha detto la dottoressa Annelou de Vries, una psichiatra che ha guidato la ricerca olandese originale e tuttora dirige la clinica di Amsterdam. “Ma ovviamente non lo siamo: anche noi facciamo parte del mondo globale. Quindi, in un certo senso, se tutti iniziano a preoccuparsi, ovviamente queste preoccupazioni arrivano anche al nostro Paese”.

In Inghilterra, le crescenti preoccupazioni sull’ondata di nuovi pazienti hanno raggiunto il punto di ebollizione nel 2018, quando 10 medici dell’unica clinica di genere giovanile del NHS, conosciuta come Tavistock Gender Identity Development Service, si sono formalmente lamentati di aver sentito la pressione di approvare rapidamente i bambini, compresi quelli con gravi problemi di salute mentale, per i bloccanti della pubertà.

Nel 2021, i medici del Tavistock hanno pubblicato uno studio su 44 bambini che hanno assunto bloccanti della pubertà che ha mostrato un risultato diverso da quello olandese: i pazienti a cui sono stati somministrati i farmaci, in media, non hanno visto alcun impatto sulla funzione psicologica.

Anche se i farmaci non hanno ridotto i pensieri di autolesionismo o la gravità della disforia, gli adolescenti erano “straordinariamente entusiasti di prendere il bloccante”, ha detto la dottoressa Polly Carmichael, la direttrice della clinica, in una conferenza del 2016. E 43 dei 44 partecipanti allo studio hanno successivamente scelto di iniziare con il testosterone o gli estrogeni, sollevando dubbi sul fatto che il farmaco stesse raggiungendo lo scopo previsto, ossia dare agli adolescenti il ​​tempo di valutare se una transizione medica fosse giusta per loro.

Nel 2020, il Servizio Sanitario Nazionale ha incaricato il Dr. Cass di effettuare una revisione indipendente dei trattamenti. Ha commissionato revisioni scientifiche e considerato le linee guida internazionali sulla cura. Ha anche incontrato giovani e le loro famiglie, adulti trans, persone che hanno effettuato la detransizione, gruppi di sostegno e medici.

La revisione ha concluso che lo standard di cura del servizio sanitario nazionale era inadeguato, con lunghe liste di attesa per l’accesso ai trattamenti farmacologici e pochi percorsi per affrontare i problemi di salute mentale che potrebbero contribuire al disagio di genere. Il servizio sanitario nazionale ha chiuso il centro Tavistock il mese scorso e ha aperto due nuove cliniche di genere giovanile, che secondo il dottor Cass dovrebbero avere un approccio “olistico”, con maggiore supporto per chi soffre di autismo, depressione e disturbi alimentari, nonché psicoterapia per aiutare gli adolescenti a esplorare le loro identità.

“I bambini e i giovani sono stati serviti davvero male”, ha detto il dottor Cass in un’intervista con l’editore del British Medical Journal, pubblicata martedì. Ha aggiunto: “Non riesco a pensare a un’altra area dell’assistenza pediatrica in cui diamo ai giovani trattamenti potenzialmente irreversibili e non abbiamo idea di cosa succede loro in età adulta”.

I cambiamenti attuati dal Servizio Sanitario Nazionale questo mese sono “un riconoscimento che le nostre preoccupazioni erano, in effetti, valide”, ha affermato Anna Hutchinson, psicologa clinica a Londra che è stata uno dei membri dello staff del Tavistock che ha sollevato preoccupazioni nel 2018. “È rassicurante che torneremo a un percorso più solido e basato sull’evidenza per le decisioni relative a questi bambini”.

Alcuni critici hanno affermato che anche l’Europa, come gli Stati Uniti, è stata influenzata da una crescente reazione contro le persone transgender.

In Inghilterra, ad esempio, una battaglia durata anni su una proposta di legge che avrebbe reso più semplice per le persone transgender cambiare il genere sui loro documenti di identità ha galvanizzato un movimento politico per cercare di escludere le donne transgender dagli sport femminili, dalle carceri e dai rifugi per la violenza domestica.

“L’intenzione con la revisione Cass è quella di essere neutrali, ma penso che la neutralità forse si sia spostata”, ha detto Laurence Webb, un rappresentante di Sirene, un’organizzazione di difesa dei giovani trans in Gran Bretagna. “Le opinioni estremiste sono diventate molto più normalizzate”.

Altri paesi hanno assistito ad attacchi più evidenti ai diritti dei transgender e all’assistenza sanitaria. Nel 2020, il parlamento ungherese ha approvato una legge che vieta i cambiamenti dell’identità di genere sui documenti legali. L’anno scorso, la Russia ha vietato i cambiamenti legali di genere e le cure mediche legate al genere, con un deputato che descrive gli interventi chirurgici di genere come il “percorso verso la degenerazione della nazione”.

In Francia quest’anno, un gruppo di legislatori conservatori ha presentato un disegno di legge per vietare ai medici di prescrivere bloccanti della pubertà e ormoni, con pene di due anni di reclusione e una multa di 30.000 euro, ovvero circa 32.600 dollari. E lunedì il Vaticano ha condannato le transizioni di genere come minacce alla dignità umana.

Noticias relacionadas: Noticias Similares